Sacred Citadel

Sacred Citadel

All’inizio pensavo si trattasse di un inaspettato seguito della saga “Sacred”, celebre hack and slash di fine 2004 (o meglio ancora un seguito del 2, gioco veramente ben realizzato)..

Ma in realtà trattasi di un gioco che con Sacred non c’entra assolutamente nulla, è in realtà una sorta di Castle Crasher rivisitato (fantastico gioco a scorrimento orizzontale dove l’obiettivo è uccidere tutto quello che si muove), reso più umano e meno anonimo.

Non si parte scegliendo “di che colore sarà il mio pippottino”, ma scegliendo la classe.. classico guerriero, ranger, mago o necromante..

Mi rendo conto, scrivendo questa recensione, che c’è ben poco da dire.. il gioco è una figata.. ha un immediatezza disarmante, livellando il personaggio si ottengono 2 punti skill, i quali possono essere suddivisi tra attacco, difesa, agilità e potere.

Con l’avanzare degli scenari si ottengono equip sempre più avanzati, per consentire al giocatore di affrontare i sempre più temibili nemici.

Per ora ho provato 3 personaggi su 4, mi manca solo il “necro”.. la cosa certa è che il ranger sbraga.. ha una skill speciale che se la fai al momento giusto “shotta” praticamente qualsiasi boss.

Concludo definendo questo splendido titolo tramite una citazione

“è uno sparatutto..”

Fondatore di SoulGuild. Amante di Videogames di ogni tipologia e possessore di ogni genere di console dal primo MSX a quelle contemporanee. Recensore in ambito Switch, PC, PS4 ed esclusivo per XboxOne.

Leave a Reply

Lost Password

Vai alla barra degli strumenti