Gamesweek 2015

Gamesweek 2015

Anche quest’anno siamo stati presenti alla fiera milanese del Videogioco, realizzata da AESVI e sponsorizzata da tantissimi partner ufficiali, publisher e case produttrici, e con la novità di un gran numero di tornei e la presenza di numerosi Youtubers famosi.

Lo spazio messo a disposizione è stato quest’anno suddiviso sui due piani, al piano terra il padiglione 3, dedicato agli espositori ed al secondo piano il padiglione 4, dedicato agli Youtubers ed ai tornei organizzati.

Padiglione 3

Il partner ufficiale per la vendita promozionale dei videogiochi è stato anche quest’anno Unieuro.

image

Purtroppo, a causa di una sempre maggior partecipazione alla fiera, quest’anno era quasi impossibile entrare nello stand. Dopo aver superato la coda infinita, ci siam trovati davanti ad un sistema di vendita e di controllo all’uscita fallato e rallentante. Penso che riscontreranno al termine della fiera, una mancanza di prodotto per almeno un 15%, visto che all’uscita vi erano solo 2 guardie, che “controllavano” in maniera frettolosa, e di furbetti purtroppo ce n’è pieno il mondo.. Le ottime offerte per i giochi, sia in preorder che non sono state contrastate da pessime offerte per accessori e abbonamenti mensili, molto meno scontati dell’anno scorso. In un angolo dello stand, grazie alla collaborazione con i ragazzi di Gametime, era possibile testare l’HTC vive una delle migliori soluzioni attuali per la realtà virtuale..

Tra i publisher partner della fiera abbiamo incontrato la (r)Ubisoft.

image

il loro stand era “a porte chiuse”, con 2 punti di accesso divisi a metà, per un totale di 4 file. Purtroppo di gente incivile e che si crea furba c’è veramente pieno e, non essendo le file transennate, gente che inizialmente aveva “una mezz’oretta di attesa”, si è trovata a fare code di 3-4 ore.. Una volta dentro era possibile testare: Assassin’s Creed: Syndacate, Tom Clancy’s: The Division, For Honor, The Crew e Tom Clancy’s: Rainbow Six Siege.

Nintendo invece si è proposta con un semplice stand enorme con varie postazioni di gioco, fortunatamente con poca affluenza, nelle quali era quindi abbastanza semplice provare i titoli.. Erano presenti 8 postazioni di gioco Splatoon (per giocare in deatmatch in locale 4vs4), ed altre postazioni doppie, nelle quali tra i tanti titoli, è stato possibile provare Project 0, Xenoblade Chronicles, Fast Racing Neo e tanti altri giochi.

Nintendo si presenta in grande

Nintendo si presenta in grande

Asus si è presentata con un solito stand sborone e tamarro all’ennesima potenza, volto a presentare prototipi super pompati per il gaming estremo su PC, e ad intrattenere i fans con show, sfide e lancio di gadget. Proponevano inoltre, per un periodo limitato alla durata della fiera, ottime offerte al pubblico, con prezzi veramente interessanti.

Sony si è presentata in modo imponente in GamesWeek, dalla paratia del piano superiore sembrava che metà della fiera fosse blu!!

image

Per chi ha avuto pazienza di farsi la bella coda per entrare, ha avuto la possibilità di provare: Call of Duty Black Ops 3, Uncharted, Horizon Zero Down e Star Wars Battlefront. In un piccolo stand separato era inoltre possibile provare PlayStation VR e tante altre piccole postazioni PS4 erano sparse in tutto il padiglione 3.

image

Nello stand di casa Microsoft l’unica vera esclusiva da provare era Halo 5, titolo in imminente rilascio, Forza Motorsport 6 oramai uscito da mesi, e qualche titolo multipiattaforma, l’impressione è che M$ stia cavalcando molto l’onda dell’entusiasmo provocato dall’annuncio delle DX12 e della retrocompatibilità di XboxOne riguardo ai giochi Xbox360, la sua presenza in fiera è passata abbastanza in sordina.

In altre postazioni di gioco, un po’ di tutte le console, sparse per tutto il padiglione 3, è stato possibile provare vari titoli, come Homefront, Star Wars Battlefront, l’ottimo Dragon Quest Heroes e tanto altro.

image

Altri publisher oltre ad Ubisoft hanno scelto di proporsi a porte chiuse, tipo From Software con il suo Dark Souls 3 e Bethesda con il suo Fallout 4. Grandissima delusione e rammarico per chi si è fatto un ora di coda per quest’ultimo, per poi trovarsi di fronte ad un maxi schermo, sul quale veniva riprodotto un video di presentazione già visto e rivisto, e dei momenti di gameplay tratti dall’ultima E3.

Al padiglione 4 invece, era possibile partecipare, se preventivamente iscritti, ai vari tornei organizzati, o scambiare 2 parole con uno dei vari Youtuber o recarsi presso uno dei tanti stand delle varie testate giornalistiche.

In generale abbiamo avuto l’impressione che l’affluenza alla fiera sta, di anno in anno, diventando sempre più alta, e che la cosa sia un po’ sottovalutata dall’organizzazione. Code infinite per entrare, code infinite per acquistare o per provare una qualsiasi cosa (Asus e Nintendo escluse).. Simpatica presenza di Cosplayer, i quali potevano entrare gratis in fiera e senza farsi la coda del gate 5. Pessima gestione della folla, con insulti e minacce in più di un occasione a gente che cercava di sbirciare dentro gli stand, invece di preoccuparsi che i soliti furbi si facessero la fila come tutti gli altri..

Un ottimo weekend all’insegna del videogame, ma come al solito Milano poteva dimostrare di essere protagonista nel settore, e dedicare il giusto spazio e la giusta organizzazione ad un settore emergente e sempre in crescita come quello videoludico.

Fondatore di SoulGuild. Amante di Videogames di ogni tipologia e possessore di ogni genere di console dal primo MSX a quelle contemporanee. Recensore in ambito Switch, PC, PS4 ed esclusivo per XboxOne.

1 Comment

  1. Tag: bestemmie. ma lol

Leave a Reply

Lost Password

Vai alla barra degli strumenti